Cavagliere Castigliano

(Martýn de Salinas)

Martin de Salinas

Figlio di Giovanni II e Maria d'Aragona, Enrico IV fu soprannominato l'Impotente perchÚ prima di diventare re di Castiglia e di Le6n aveva sposato Bianca di Navarra, ma la Chiesa aveva sciolto il vincolo in quanto il matrimonio non era stato consumato e si era cosý diffusa la voce della sua impotenza, ritenuta da alcuni storici infondata e strumentale. Enrico salý al trono nel 1454, dopo la morte del padre, che gli lasciava in ereditÓ un regno turbolento e diviso. Giovanni II era stato un re debole, completamente estraneo alle faccende dello Stato, affidate invece nelle mani del suo favorito, Alvaro de Luna, Gran Maestro dell'Ordine di Santiago dal 1445, inviso a buona parte della nobiltÓ castigliana che si opponeva ai suoi tentativi di instaurare un forte potere centrale. La caduta in disgrazia di de Luna e la sua decapitazione (453) rappresentarono il trionfo della nobiltÓ e segnarono l'inizio di un periodo di grande instabilitÓ politica, caratterizzato dalla debolezza del potere regio. Divenuto re, Enrico IV si rispos˛ con Giovanna di Portogallo, sorella di Alfonso V; nel 1455 intraprese una spedizione contro i musulmani, che si rivel˛ inconcludente benchÚ fosse arrivato fin sotto le mura di Granada (457). All'interno del regno l'anarchia era in crescita, e di tanto in tanto scoppiavano rivolte nobiliari: particolarmente grave fu quella detta della lega di Tudela (460), che il re riuscý a contenere con le armi. In quel frangente, avrebbe avuto anche l'occasione di ampliare il proprio regno a spese della Navarra (che sosteneva i ribelli), ma ne fu distolto dagli interventi diplomatici di Luigi XI di Francia, contrario a ogni rafforzamento della Castiglia. Nel 1462 nacque l'erede al trono Giovanna, ma una parte della nobiltÓ si rifiut˛ di riconoscere la paternitÓ del sovrano, che dallo scioglimento delle prime nozze era ancora ritenuto impotente, e quindi incapace di generare figli, insinuando invece che il padre della bambina fosse il favorito della regina, BeltrÓn de la Cueva. Da lui, infatti, deriva il soprannome dato alla piccola: la Beltraneja.

Torna ai Cavalieri Medievali

Particolare dello scudo

Martin de Salinas

Martin de Salinas