Cid Campeador

(Rodrigo Dýaz de Bivar)

Cid Campeador

Separare il mito dal personaggio reale rimane un compito dello storico; distinguere l'elaborazione letteraria di fatti realmente accaduti dai racconti puramente leggendari diventa un lavoro molto complesso, soprattutto se la figura leggendaria sovrasta il personaggio storico, come nel caso del Cid. La figura storica del Campeador, cantata ed esaltata nei secoli in numerose opere letterarie come modello di virt¨, Ŕ in effetti offuscata dalla nebbia della leggenda. Ruy o Rodrigo Diaz de Bivar (o Vivar) nacque intorno al 1043 a Burgos o nel villaggio di Bivar, nelle immediate vicinanze della cittÓ castigliana. Figlio di Diego LÓinez, un signore appartenente alla piccola nobiltÓ del regno Ci cosiddetti infanzones), il giovane Rodrigo fu chiamato alla corte del re Ferdinando I per esservi educato come cavaliere. La sua presenza a corte faceva probabilmente parte di una ricompensa per l'aiuto militare che Diego LÓinez aveva fornito a Ferdinando durante lo scontro con il regno di Navarra per il controllo di alcune fortezze situate lungo la frontiera tra i due regni. Qualche anno pi¨ tardi, alla morte di re Ferdinando I, il testamento del sovrano cambi˛ il corso della vita del giovane gentiluomo: Ferdinando I, che aveva ereditato il regno di Castiglia e si era poi impadronito del Le˛n, decise che alla morte i suoi possessi sarebbero stati divisi tra i figli. Al primogenito, il coraggioso e bellicoso Sancio, lasci˛ in ereditÓ la Castiglia con il regno di Taifas di Saragozza; ad Alfonso, probabilmente il suo favorito, il regno di Le6n fino a Pisuerga e il titolo reale, mentre Garda, l'ultimo figlio, si dovette accontentare della Galizia e dei regni di Taifas di Siviglia e Badajoz. Alle sue figlie, Urraca ed Elvira, Ferdinando fece dono degli infantados (feudi) situati rispettivamente nelle cittÓ di Zamora e di Toro.

Torna ai Cavalieri Medievali

Cid Campeador

Cid Campeador